Il vero problema

20150516_104620

Siamo ormai al catalogo quotidiano dei tuffi in canale, delle biciclette in calle, dei bivacchi in campo. Continuare su questa linea diventa noioso e rischia di trasformarci in macchiette che girano per strada a cercare sempre nuovi esempi di attentati al glorioso splendore di quella che fu la Serenissima. Insomma: vedere qualcuno seduto sulla riva con le gambe penzoloni, o su un gradino a mangiare un panino di per sé non sarebbe nulla di particolare, né tanto meno qualcosa per cui sia necessario urlare allo scandalo.
Certo, la cerebrolesa che qualche giorno fa ha esibito al colto e all’inclita le proprie chiappe sbiadite mentre in pieno giorno orinava (speriamo almeno che l’azione fosse quella) sulla Riva degli Schiavoni di fronte al Danieli è un caso estremo per il quale invocherei una pena del contrapasso sulla quale preferisco non dettagliare. Però trovo fastidioso sia il concentrarci di noi cittadini su questi episodi trascurando quanto sta a monte del fenomeno, sia – e ancor di più – il furbastro trombettare degli amministratori, che puntano i fari su tuffi, bivacchi e biciclette per farci dimenticare che il vero problema sta altrove.
Troppo spesso in Italia (forse non solo, ma qui di sicuro) non conta tanto quello che si dice ma semplicemente il fatto che si dica qualcosa. E così i vertici del nostro governo, dimostrando una capacità di amministratori pari a quella della mia lavastoviglie predicano di istituire un DASpo speciale per i turisti maleducati (Luca Zaia, presidente della Regione del Veneto), oppure chiedono poteri da sceriffo per mettere in cella di sicurezza chi fa la pipì fuori del vaso (Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia), oppure sbandierano come soluzione l’idea di estendere all’intera città, o almeno alle zone più calde, il servizio di quelle signorine che in Piazza San Marco vanno a fare toc toc sulla spalla di buzzurri e incivili dicendo loro che non è così che ci si comporta (Paola Mar, assessore al turismo). Col risultato principale, come ci raccontava un articolo apparso ieri su un quotidiano locale, di raccogliere vagonate di insulti.
Ora, che ci siano o ci facciano è difficile dirlo, però sarebbe ora di scolpire nel marmo a caratteri cubitali che se una soluzione può esistere, questa risiede nel ridurre la pressione turistica sulla città di Venezia. E’ ora di diminuire il numero di persone che arrivano ogni giorno dell’anno perché nessuna città di queste dimensioni, e men che meno una città particolare come Venezia, è in grado di reggere il peso di 30 milioni di turisti l’anno. In mezzo ai quali è inevitabile che ci sia una quota di buzzurri che non distingue Tintoretto da Topolino, ma è una quota fisiologica nel genere umano e destinata a calare nel momento in cui diminuiranno le orde in arrivo. Ed essendo le orde più contenute sarà più agevole gestirle, anche per quanto riguarda il comportamento della quota dei buzzurri.
E’ fondamentale quindi ragionare sugli accessi alla città, non blaterando di impossibili e del tutto inutili numeri chiusi a San Marco ma lavorando sulla gestione programmata e flessibile degli accessi all’intero centro storico. E’ possibile? Lo è, come dimostra per esempio il lavoro di pass4venice. Non ho i mezzi per capire se questa è o meno la soluzione definitiva, ma un progetto del genere è la prova che il problema è affrontabile, delimitabile e risolvibile. Sarà poi indispensabile fare un passo indietro sulla liberalizzazione delle licenze di apertura di strutture a uso turistico (legge regionale, voluta dallo stesso Zaia che adesso predica il DASpo turistico), regolare quelle che resteranno e fare in modo che sia il mercato immobiliare delle abitazioni sia quello dei negozi torni almeno in parte in uso alla popolazione residente.
Basta quindi sbrodolare su insulti e attentati alla gloria passata. E’ ora di lavorare sul serio perché gli strumenti, tecnici e legislativi, ci sono già tutti. Non fare, in questa situazione, significa solo dichiarare di non voler fare.

Pubblicato in Venezia | Contrassegnato , , | 2 commenti

Niente di nuovo sul fronte occidentale

Ovvero spigolature estive dal bollettino del quotidiano degrado di quella che fu la Serenissima.
Contrariamente ai coniugi britannici di cui si dice nel post precedente, quelli di origine mediorientale arrivati in macchina a piazzale Roma lunedì scorso un dubbio se lo sono fatti venire. E così hanno accostato, sono scesi e hanno fermato il primo passante, che era guardacaso il sottoscritto. Squadernandomi una pianta di Venezia sotto il naso, hanno puntato il dito su una calle in zona Frezzeria (per capirci, fra San Marco e la Fenice) e mi hanno chiesto istruzioni sul come arrivarci. In macchina. Lo sguardo sconsolato che si sono scambiati alla mia risposta valeva la giornata. Almeno, però, si sono rassegnati mestamente a lasciare la macchina in un parcheggio e a servirsi del vaporetto. Credo che l’abbiano fatto, visto che né giornali né tv hanno dato notizia di altri improvvidi tentativi di guadagnare il centro su quattro ruote.
Hanno invece dato ampiamente conto della grande impresa di un marinaio neozelandese che qualche giorno fa si è esibito in un tuffo dal ponte di Rialto. Già. Peccato che per farlo abbia scelto il momento in cui sotto passava un taxi, sul quale lo sfigato è andato graziosamente a schiantarsi. A quanto se ne sa, è ancora ricoverato in rianimazione, con una denuncia per attentato alla sicurezza dei trasporti appesa alla pediera del letto. Ora, per le disgrazie altrui non si può non provare umana compassione, ma quando uno se le cerca in questa maniera si fa un po’ più fatica del solito.
Dispiace peraltro moltissimo sentire di tre ragazzi feriti seriamente in uno scontro notturno in laguna, nel quale un taxi ha letteralmente tagliato in due il barchino sul quale i tre andavano a spasso nelle acque antistanti l’isola della Certosa. Due sembra anche che siano particolarmente gravi. Però poi leggi che navigavano nel buio a luci spente e incuranti delle precedenze, e vorresti riempir loro la faccia di schiaffoni. Per quanto riguarda il rispetto dei limiti di velocità Venezia è ormai il far west, questo si sa. Però di questa abitudine di ragazzi cerebro-esenti di correre in barca di notte a luci spente mi pare che si stia parlando veramente troppo poco. E’ un po’ la versione locale di quell’altro passatempo che consiste nel farsi un selfie sui binari mentre arriva il treno e per rendersi conto di quanto sia in voga basterebbe farsi una passeggiata col buio lungo la riva che dai Giardini della Biennale porta a Sant’Elena. Se ne sentiranno sfrecciare tanti di questi proiettili senza luci di cui nessuno pare preoccuparsi particolarmente. Come al solito, si aspetta che ci scappi il morto.
Idiotissima ma, credo, meno pericolosa (sempre che la leptospirosi non sia mortale, devo informarmi) la voga turistica di ogni estate di prendersi bagni in canale. L’estate scorsa un imbecille ci si portò pure la saponetta. Gira in questi giorni e credo sia passato anche in tv un video che mostra una signora del posto redarguire energicamente un gruppo di ragazzi stranieri in costume da bagno pronti a tuffarsi in Canal Grande. Più perplessi che convinti, i rimproverati paiono rinunciare all’idea ma chissà se in realtà non sono semplicemente andati a fare i propri semicupi un po’ più in là. D’altra parte, si è mai visto un villaggio vacanze che vieta i bagni in piscina?
Un plauso comunque alla signora, che con tono deciso e in più lingue ha cercato di comunicare agli stupidini che non siamo all’Aquafan ma in un posto che meriterebbe maggiore attenzione e rispetto. Visto che il nostro sindaco e la sua dilettantesca corte dei miracoli paiono ormai aver perso totalmente il controllo della situazione, temo non si possa che far conto sull’iniziativa dei superstiti panda pervinca residenti. Sempre più pochi ma, mi si passi l’infrazione grammaticale, sempre più incazzatissimi.

Pubblicato in Venezia | Contrassegnato , , | 8 commenti

Se lo dice gugolmaps

reu_rtxowvr_web.630x360

Sono stati bloccati da passanti stupefatti mentre a bordo di una Fiat Punto percorrevano, e pare a velocità sostenuta, la Fondamenta Santa Chiara, a fianco di Piazzale Roma proprio davanti alle fermate dei vaporetti. I due coniugi inglesi di origine slava si sono dichiarati estremamente infastiditi del fatto che non li si volesse far proseguire con l’auto fino all’albergo. Google Maps, infatti, asseriva che alla meta mancavano ancora due chilometri buoni. Pare che l’impresa di convincere i due che a Venezia non si gira in automobile non sia stata facile e abbia richiesto una certa quantità di tempo.
Furbetti forse, di sicuro ignoranti come cozze. Immagino la conversazione dopo l’inversione di marcia, mentre la Punto a noleggio sfrecciava sul ponte della Libertà verso la rassicurante terraferma: “Te e la tua mania per i posti strani. Te l’avevo detto che era meglio Cesenatico”.

PS: la foto l’ho trovata qui.

Pubblicato in Il paese dei polli, Venezia | Contrassegnato , | 6 commenti

Niente di nuovo sul fronte occidentale

IMG_20160731_110954

Immagine | Pubblicato il di | Contrassegnato | Lascia un commento

La cricca delle figuranti

IMG_20160730_130018

I giornali le chiamano figuranti e si può vederle passando, a qualunque ora, per la Riva degli Schiavoni. Sono tizie che non fanno nulla se non stare in piedi su una cassetta della frutta, addobbate con improbabili vestiti “veneziani” che più fatti in casa di così non si può. Sono rumene e in questa città in cui chiunque può ormai fare qualunque cosa hanno trovato un bel modo per sbarcare il lunario: si fanno fotografare da turisti che se non glielo dicesse la guida non saprebbero distinguere Palazzo Ducale dalla cuccia del cane e poi chiedono cinque euro. Non glieli danno? Si materializza un amico, rumeno pure lui, che con argomenti estremamente convincenti chiede di pagare o di cancellare la foto. La maggior parte paga.
Non ci stupisce ormai più che l’amministrazione dica che non ci si può fare nulla, visto che altro non fa o non sa fare. Ci si chiede peraltro come sarà che a Parigi, a Londra o a Berlino, altre città nelle quali la presenza turistica non è di poco conto, non si trovano cugine di queste rumene che lavorano con gli stessi sistemi. Può essere, forse, che altrove il sistema per neutralizzare certe professioni e bonificare, almeno da questo punto di vista, il paesaggio urbano sia stato trovato.
Non ci dovrebbe nemmeno stupire, ma qui ancora faccio fatica, che in momenti come quello in cui sono passato stamattina ci fosse addirittura la fila dei gonzi in attesa di farsi fotografare. Qualcuno magari se ne verrà via convinto di portarsi a casa il ritratto digitale di una Morosini, o una Barbarigo. Cosa sono cinque euro per un tesoro del genere?
Io comunque la foto l’ho fatta da lontano, con lo zoom. Non avevo nessuna voglia né di sganciare l’obolo né tanto meno di sentirmi in faccia il fiato del fidanzato gorilla della signorina.

Pubblicato in Venezia | Contrassegnato | 4 commenti

Le fotografie perdute e ritrovate di John Ruskin

Ruskin

La Ca’ D’oro ripresa durante i lavori di restauro della facciata, nel 1845.

Una cassetta di dagherrotipi, scambiati per banali “vecchie fotografie” giace da oltre mezzo secolo in una casa della campagna inglese. Viene posta in vendita in un’asta di provincia, con una valutazione complessiva di ottanta sterline. All’asta però sono presenti due importanti collezionisti che considerando, ciascuno per proprio conto, una serie di indizi, maturano un sospetto: le fotografie non sono altro che la collezione di John Ruskin, messa assieme attorno al 1850 nel corso dei suoi viaggi e soprattutto dei suoi soggiorni a Venezia. La lotta al rialzo fra i contendenti è acerrima e si conclude con la vittoria di Ken e Jenny Jacobson, che si assicurano il tesoro per la cifra inimmaginabile di 75.000 sterline.
Dopo alcuni anni di analisi e studi, la provenienza ruskiniana dei materiali sembra definitivamente confermata e il tesoro è stato pubblicato.

In questo articolo la storia è raccontata con maggiori dettagli e sono presentate altre emozionanti immagini.

Chi volesse investire un po’ di euro in un libro che sembra strepitosamente bello può invece dare un’occhiata a questa pagina.

Pubblicato in Foto storiche, Venezia | Contrassegnato , | Lascia un commento

I monsoni sulla laguna

Ovvero sintetica fotocronaca dei prodromi del diluvio universale che ha colpito ieri pomeriggio la laguna di Venezia, neanche fosse il Bengala. Dopo un pomeriggio di torrida calura passato a boccheggiare in spiaggia, intraprendo una piacevole camminata sul lungolaguna e mi accorgo che il cielo sta manifestando scenografiche ma un po’ preoccupanti intenzioni. La situazione evolve molto rapidamente, come rappresentato in queste tre fotografie:

IMG-20160625-WA0058
IMG-20160625-WA0062
IMG-20160625-WA0064

Sorte benigna ha voluto che allo scoppio del primo fulmine mi trovassi in corrispondenza di una fermata del bus, all’arrivo del bus medesimo. Durante il tragitto, nel corso del quale abbiamo raccolto svariati gruppi di profughi in fuga dalle spiagge, la furia degli elementi si è scatenata e a chi di noi osava ritenersi ormai al sicuro ha dato risposta il valoroso autista del bus medesimo, che arrivato a S. Maria Elisabetta è transitato fieramente davanti a tutte le fermate non sue poste a ridosso della grande tettoia del terminal, ha ripreso la rotonda e ci ha scaricato dalla parte opposta, ovviamente priva di qualunque riparo. Io sono riuscito a correre e mi sono lavato comunque. Immagino che le numerose persone di età ancora maggiore della mia abbiano dovuto, in una frazione di secondo, decidere se optare per la rana o lo stile libero. Grazie, anonimo autista.

Pubblicato in Venezia | Contrassegnato | 5 commenti