Una toccatina, non si sa mai

DSCF6403

Campo San Cancian, o Canciano per chi parla forbito, si trova per sua fortuna in posizione un po’ defilata rispetto ai grandi flussi di traffico e circa equidistante dalle bolgie infernali di Rialto e dei SS. Apostoli. Sul lato opposto del campo rispetto alla chiesa, al di là del ponte di San Cancian, che era quello dove stavo questa mattina quando ho scattato questa foto, sta un portichetto che corre lungo il canale:

DSCF6388

Non so quanti si facciano catturare l’attenzione dal nome di questo portico, che è Sotoportego del traghetto, e si chiedano a quale traghetto possa mai riferirsi questa intitolazione visto che il canale su cui si trova è largo pochi metri. Il rio dei SS. Apostoli arriva direttamente dal Canal Grande e prosegue verso nord, transita dietro la chiesa dei Gesuiti e sbocca alle Fondamente Nove. E’ quindi una via di comunicazione diretta che collega il centro della città con Murano, e infatti sotto gli archi di questo portico per secoli si trovava lo stazio delle barche che portavano cose e viaggiatori sull’isola dei vetrai. A parte il nome, non mi sembra siano rimaste tracce di questa sua storia passata, anche se i pilastri di pietra recano una gran quantità di graffiti, per la maggior parte purtroppo di difficile lettura. Qualcuno ne ha scritto uno lunghissimo, che bisognerebbe mettersi a decrittare con pazienza, a eterna memoria della grande gelata del 1864.
La casa che sorge sopra al portico pare appartenesse alla famiglia fiorentina degli Strozzi e fu nel Settecento sede della collezione d’arte e della biblioteca di Amedeo Svajer, mercante di origine tedesca la cui famiglia si era trasferita da Norimberga in laguna nel Seicento. Se la preziosa raccolta di rarità bibliografiche è oggi nella Biblioteca Marciana, non so cosa resti della collezione di antichità a parte i piccoli rilievi che ancora oggi si trovano incastrati nelle facciate della casa e si distinguono nettamente da quelli di origine bizantina che ricorrono numerosi sulle case veneziane.
Capita a volte, passando il ponte, di vedere una giovane donna che scendendo i gradini tocca senza fermarsi uno strano doppio anello di ferro infisso sul primo pilastro di pietra del portico, all’angolo della casa. La sua forma è inequivocabile e la toccatina è un gesto scaramantico e beneaugurante che promette fertilità e discendenza. Posso testimoniare che ancora c’è chi rispetta la tradizione: difficile che ci creda ma una toccatina costa poco sforzo e non si sa mai, magari funziona.

DSCF6387

DSCF6397

DSCF6398

DSCF6389

DSCF6391

DSCF6396

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Venezia. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Una toccatina, non si sa mai

    • Concetta Voltolina Kosseim ha detto:

      Veramente é stata una bella sorpresa per me per questo post e le foto perché io su quel ponte ci sono passata per almeno 6 anni consecutivi fino alla maturità e passando sul ponte non mancavo ogni mattina di toccare le ancorette così si chiamano quei ferri che sembrano ferri di cavallo per questo c’é la leggenda che portino fortuna e per me era la fortuna di non essere interrogata proprio quel giorno. ora quando vengo a Venezia sempre passo di là e tocco le ancorette. Nel campiello della cason abitava mia nonna ed é stato galeotto per l’amore di mio padre e di mia madre. nel 1920.
      Ora vorrei sapere fino a quando ha funzionato il traghetto delle barche che andavano a murano.
      Ogni volta che passo per quel ponte, proprio ai suoi piedi all’inizio del sottoportico sedeva senpre una vecchietta che chiedeva la carità e con le mie compagne di scuola le facevamo l’elemosina del nostro merendino chiedendole di pregare per noi perché non fossimo interrogate o che i compiti in classe ci andassero bene. A mezzogiorno quando ripassavamo per tornare a casa la vecchietta non c’era più , ma la trovavamo sempre allo stesso posto l’indomani mattina….
      É certamente morta. Ma chissà se dall’alto ancora lei non guarda a quel posto….. beh ecco un po`di storia veneziana che anche se non é tanto antica data almeno di 60 anni fa e certo si può dire ora del secolo scorso.

  1. ytaba36 ha detto:

    Grazie per questo post su un altro luogo interessante a Venezia. Ho provato così difficile da leggere cosa c’era su quei pilastri!

    Yvonne

  2. Gabriele ha detto:

    grazie per questo post ed anche per le foto (io non c’ero mai riuscito, nella fretta, a decifrare le iscrizioni); in effetti anche mia figlia – 7 anni – ogni volta che passiamo da lì vuole toccare i ganci, certo senza sapere della simbologia… Mi pare però di aver letto da qualche parte che i ganci servissero originariamente ad appendervi i condannati allo squartamento (ohibò), le risulta?

    • Winckelmann ha detto:

      Mamma che impressione, spero che sia una leggenda! L’unica cosa che so è che le esecuzioni capitali venivano fatte il Piazza, su un patibolo posto fra le due colonne. Il condannato guardava la Piazzetta e la torre dell’orologio e in fondo e da qui deriva l’espressione “ti faccio vedere che ora è”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...