Dottor Zivago uno e due

DottorZivago

E’ una rilettura. La prima volta fu più o meno all’epoca della maturità, quindi talmente tanti decenni fa che me ne era rimasta un’immagine del tutto vaga. Una cosa però ricordavo bene: che il libro mi aveva totalmente assorbito, al punto che in pochissimi giorni mi ero trovato a sorpresa alle ultime pagine. Ero stato così preso dalla fluviale vicenda da non essermi neppure accorto che stavo letteralmente divorando il volume, nella mia edizione non particolarmente ponderoso ma fittissimo nella stampa, con un corpo di caratteri più piccolo del consueto che oggi ha creato qualche problema ai miei occhi ormai definitivamente presbiti.
La prova della rilettura a grande distanza di tempo ha in pieno riconfermato l’antica impressione, nonostante la mia resistenza di lettore si sia negli anni fisiologicamente indebolita. La prima raccomandazione che farei se dovessi consigliarlo è: dimenticare l’altro Zivago, l’azzimato Omar Sharif del leccatissimo polpettone hollywoodiano di David Lean, e la sua melensa storiella sentimentale nella quale la moglie mora (Geraldine Chaplin, Tonja) rivaleggia con l’amante bionda (Julie Christie, Lara), al suono di mille balalaike in uno stucchevole paesaggio di neve e girasoli, che sta alla Russia dipinta da Pasternak come la Venezia ricostruita a Las Vegas sta a quella vera.
Il racconto di Pasternak fluisce maestoso come il Don e con lui si dipanano le vicende dei suoi personaggi, prima nella Russia degli zar e poi nel cataclisma della guerra mondiale e della rivoluzione. Mentre lo leggevo (traduzione di Pietro Zveteremich, riveduta da Mario Socrate, Maria Olsoufieva e Pietro Zveteremich) mi veniva da pensare a Suite Francese di Irene Némirovski, perché anche lì le storie di una folla di personaggi si inquadrano in una squassante tragedia collettiva, quella dell’invasione tedesca di Parigi. C’è però una differenza di fondo: se la Némirovski mostra come sono le “piccole” vicende dei singoli che scorrono più o meno parallele una all’altra a comporre il gigantesco mosaico della Storia che solo apparentemente è senza volti, Pasternak recupera la tradizione del grande romanzo e intreccia le traversie dei propri personaggi maggiori e minori in un viluppo che va al di là di ogni razionale plausibilità. Travolti dalla guerra, dalla rivoluzione, da arresti e deportazioni, dal crollo totale della struttura sociale e dispersi nello sterminato territorio della Russia, i personaggi sembrano pedine di un destino che gioca con loro a separarli e a ricongiungerli, ma ciò che si è appena ricomposto si scompone di nuovo e chi si è ritrovato torna a perdersi, nella magmatica folla di straccioni che popola le strade di Mosca oppure nella steppa siberiana immersa nella neve.
E’ nota la storia del romanzo, della sua censura da parte del governo di Mosca e della sua pubblicazione in Italia per i tipi di Feltrinelli nel 1957, in aperto contrasto con il PCI. Pasternak fu espulso dal sindacato degli scrittori, costretto a rifiutare il premio Nobel e a vivere gli ultimi anni in miseria. D’altra parte la sua descrizione amara e assolutamente antimitologica della rivoluzione e dei suoi “eroi” era in completo contrasto con la retorica di regime. Pasternak non prova nessuna nostalgia per la Russia zarista ma non riesce a non vedere il massacro fra bianchi e rossi prima di tutto come un massacro, non riesce a giustificare il disfacimento della struttura sociale e culturale della “sua” Russia, non riesce a cantare di eroi là dove vede debolezze, miserie e crudeltà.
Dimentichiamo quindi Julie Christie e “il tema di Lara” con le sue balalaike, dimentichiamo il ciuffo pettinatissimo di Omar Sharif e la sua camicia da Popoff: Il dottor Zivago è molto altro e molto di più. E’ anche, temo, un libro da tener lì un altro po’ di anni e poi da rileggere di nuovo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Libri, dischi, film e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Dottor Zivago uno e due

  1. B-B-B-Boris ha detto:

    Miiii, Johann Joachim, ma lei non finisce mai di stupirci. A quando una dissertazione sulle equazioni diofantine? hugs & merry xmas
    (anzi, Frohe Weihnachten)

  2. Marco Boccaccio ha detto:

    io non l’ho letto. dopo questa tua recensione si provvederà a colmare la lacuna!

  3. gabrilu ha detto:

    Anch’io ho letto per la prima volta Zivago secoli fa, e giustappunto all’epoca della maturità liceale. Nella Feltrinelli cartonata e con i caratteri microscopici (quella che adesso hanno rifatta, ma la mia era quella vera, della prima ora 🙂
    Identiche alle tue, le mie impressioni ed i miei ricordi.
    E’ da tempo che ho in mente di rileggerlo, lo Zivago, non solo per vedere quanto di quelle mie impressioni semiadolescenziali possano riprodursi oggi, ma anche per il un po’ perverso (confesso) desiderio di vedere quanta ragione potesse avere il grande Volodja (parlo di Nabokov) a disprezzare tanto il romanzo di Pasternak, del quale scrisse peste e corna (del romanzo, e di Pasternak come romanziere)
    En attendent… e già che ci sono: Buon Nuovo Anno! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...