I deliri del Baron Corvo

Frederick Rolfe, che si firmava anche Baron Corvo e in parecchi altri modi, era un originale. Inglese, nato nel 1860, visse fra l’Inghilterra e l’Italia facendo vari mestieri e cercando incessantemente il mecenate che avesse potuto sollevare il suo genio da tutte le preoccupazioni materiali. A un certo punto si convertì al cattolicesimo e studiò teologia a Roma, facendosi però espellere dal collegio nel quale era pensionante. Morì in miseria nel 1913 a Venezia, città nella quale passava il tempo principalmente a fare la punta ai gondolieri e a procacciare clienti al bordello maschile di Fondamenta de l’Osmarin, a San Giorgio dei Greci.
George Arthur Rose, il protagonista di Adriano VII uscito nel 1904, è con tutta evidenza una proiezione dello stesso Rolfe, una rappresentazione di ciò che era e di quello che nei suoi deliri di onnipotenza avrebbe voluto essere. Giornalista squattrinato e rancoroso nei confronti della gerarchia cattolica che l’ha cacciato dal collegio vietandogli i voti ecclesiastici, Rose riceve un giorno nella topaia londinese dove vive la visita di un cardinale, che si umilia davanti a lui, gli chiede perdono delle colpe della Chiesa nei suoi confronti, gli offre i voti e lo nomina suo segretario.
Al seguito del cardinale, Rose si reca a Roma per il conclave e dopo una incredibile concatenazione di eventi ne esce papa, col nome di Adriano VII. Inizia da qui un pirotecnico delirio di fantapolitica nel quale si intrecciano complotti, vertici di regnanti e imperatori, opulente cerimonie sacre, giochi ginnici di paggi, passeggiate per le vie di Roma e ricatti di socialisti, invidie di cardinali, gelosie di ex amanti e milioni di altre cose.
Dopo aver ridisegnato i confini del mondo e aver portato l’umanità alla pace universale, Adriano muore per mano di un folle e, come Riccardo nel Ballo in maschera, perdona tutti, benedice e spira davanti ai sudditi in lacrime, già circonfuso della gloria dei santi.
Bello? Brutto? Al di là del bello e del brutto, in qualche modo inclassificabile e non inscatolabile in alcuna categoria destinata ai comuni mortali.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Libri, dischi, film e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a I deliri del Baron Corvo

  1. Mi hai fatto venire voglia di leggerlo: prossima estate in montagna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...