La caccia all’oro

Nascono come funghi un po’ dappertutto in città le agenzie che acquistano oro. Solo nelle ultime settimane ne ho viste almeno tre di nuove, senza contare l’aumento sempre più evidente della pubblicità. Brutto segno, pessimo anzi e anche attività con parecchie ombre. Di chi è l’oro che un privato qualunque porta a vendere?
Ma a parte questo, una cosa ieri mi ha fatto impressione. Vedere, cioè, uno di questi piccoli negozi con la coda fuori: due o tre persone in attesa del proprio turno. E non credo proprio per vendere lingotti sulla base di una meditata strategia di investimento. Siamo veramente così alla frutta?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Il paese dei polli, Venezia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a La caccia all’oro

  1. spritzallaperol ha detto:

    guarda… ero a pranzo con amici che mi accennavano al fatto che non solo è diminuito l’acquisto di generi alimentari (cosa che non succedeva da decenni) ma che sono aumentati i furti nei supermercati per i beni di prima necessità. carne. cibo. secondo me è molto più grave di quello che alcuni di noi, fortunati, si rendono conto.

    • winckelmann ha detto:

      oh buongiorno!
      credo di aver assistito proprio ieri a uno di questi episodi, in un supermercato che non dico – da parte di una signora anziana palesemente in stato di necessità. E devo dire che per fortuna chi sicuramente si è accorto della cosa ha fatto finta di non vedere.

  2. alberto ha detto:

    Me n’ero accorto più di due anni fa e ne scrissi. Da allora la situazione è peggiorata di molto. Ciao

  3. tiz ha detto:

    Parte del mio stipendio se ne va per pagare medicine, controlli medici,vestiti e varie ed eventuali del tipo “si è rotto il ferro da stiro “a mia madre.
    Notare che mio padre si è fatto 7 anni di seconda guerra mondiale al fronte, 20 anni di lavoro nell’industria e altri 20 nell’artigianato. Nonostante ciò questo fantastico stato di merda dove ho avuto la sfiga di nascere ha lasciato mia madre con una pensione minima e me nella impossibilità di fare l’università per l’indigenza in cui siano finite.
    E dopo una vita di turni massacranti,riposi saltati

  4. mosco ha detto:

    >Siamo veramente così alla frutta?

    noi si, le trote, i caimani, i maiali e le vacche no.

  5. Cento Daniela ha detto:

    Si dice che sia una delle floridissime attività della mafia, quella di rastrellare l’oro con i negozietti. Non so se sia vero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...