Una, cento, mille zuppe

Inverno primavera estate autunno per me uguale zuppe. Calde e fredde, dolci e piccanti, delicate e strong le possibilità sono infinite; basta lasciarsi andare alla fantasia e avere in cucina un reparto spezie decente.
Questa per esempio è una zuppa di fagioli neri, comperati qualche tempo fa in quell’antro delle meraviglie che è Caberlotto in piazza a Mestre. Chi lo conosce sa di cosa parlo; chi no, non sa cosa si perde.
Molta cipolla tritata grossolanamente si fa rosolare in poco olio. Si aggiungono un cucchiaino colmo di paprika dolce (senza paura, mettendola all’inizio poi con la cottura si smorza) e una patata tagliata a fettine. Si fa rosolare tutto, con calma. Si aggiungono i fagioli neri, che la sera prima avevamo messo a mollo. Si fanno insaporire bene, un po’ di sale e pepe e poi si aggiunge il brodo.
Si fa bollire con molta calma – plof plof plof – per buona parte della mattina, poi si estrae con un mestolo un terzo abbondante dei fagioli/patate/cipolla, li si mette da parte e  si passa il resto col minipimer. Si rimette sul fuoco, si reinseriscono i fagioli/patate/cipolla prima estratti e si fa bollire ancora un po’, mescolando. Si approfitta per assaggiare e regolare di sale, pepe ed eventualmente di paprika. E dopo se magna.

No, il mandarino è solo per bellezza. Casomai si mangia dopo. Oppure lo si lascia a quello che i fagioli no non li digerisco. C’è sempre.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cucina e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Una, cento, mille zuppe

  1. tiziana ha detto:

    Zuppa di finocchi,fatti prima lessare e poi tritati con il minipimer a cui si aggiunge un cucchiaio di liquore all’anice ,sale e un filo di olio. ( oltretutto dietetica)
    Adatta a notti solitarie in cui spira un vento forte e non si riesce a prender sonno.
    Zuppa di fave,fatte lessare,dopo una notte a bagno,tritate poi con il minipimer, a cui si aggiunge una patata lessata (schiacciata con lo schiacciapatate )per dar più consistenza alla pappa ,poi sale e olio q.b,ma il massimo è accompagnarla con i friarielli stufati,che con il loro gusto amarognolo la fanno diventare da svenimento…..
    Adatta per cenette casalinghe in compagnia di vecchi amici il venerdì sera….
    : )

    : )

  2. mosco ha detto:

    una piazza, una via, un monumento all’inventore del minipimer, non glie l’ha ancora dedicato nessuno? MALE!

  3. mosco ha detto:

    Minnie Pimer?

    Sicuramente donna, e’ troppo ergonomico per averlo inventato un uomo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...