I fuochi del Redentore

Già ho scritto in che modo solitamente festeggio la notte del Redentore. Quest’anno non mi sono discostato dalla tradizione, però al ritorno in città ho voluto arrischiare un passaggio sulla Riva degli Schiavoni, proprio mentre lo spettacolo dei fuochi stava iniziando. Sarà una mia impressione, magari domattina lo vedremo sul giornale, ma mi pare che la bolgia fosse meno fitta del solito.
I fuochi artificiali, in generale parlando, sono una delle cose più sempre uguali a se stesse che esistano. A me, dopo cinque minuti, mi crolla la soglia dell’interesse e non ne posso più. E così mi sono messo a guardare quelli che guardavano i fuochi, e ho tentato di fare qualche foterella. Naturalmente con la macchinetta tascabile e senza possibilità di appoggio, di notte è quasi impossibile avere risultati decenti. Questo è quello che ho salvato, il meno peggio delle poche decine di scatti che ho fatto. Insomma, lo spettacolo è finito da nemmeno un’ora e già sono qua che pubblico le immagini: si apprezzi almeno la buona volontà!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Venezia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a I fuochi del Redentore

  1. marcoboh ha detto:

    non so gli altri anni, ma pare che non ci sia quasi nessuno…

    • winckelmann ha detto:

      No no, calma, queste sono foto scattate dalla periferia dell’impero. Tutta la zona di San Marco l’avevo tenuta fuori apposta e lì sicuramente c’era tanta più calca. Quello che volevo dire è che venendo da Piazzale Roma e facendo tutta la strada prima verso Rialto e poi Castello, mi pareva che ci fosse meno fiume di folla diretto in Piazza rispetto anche all’anno scorso. Ma forse era solo un’impressione.

      • marcoboh ha detto:

        ah, ecco. magari era un’impressione. o invece è che c’erano meno persone disposte a venire da fuori e farsi spennare dall’azienda di trasporto pubblico e dai bar…

  2. Gan ha detto:

    Qui da noi le pro-loco del circondario, in cronica e perenne mancanza di idee, da alcuni anni hanno scelto il “grandioso spettacolo pirotecnico” come attrazione clou delle loro feste estive. Così da Maggio a Settembre non c’è praticamente paesino che non li faccia; e da casa mia li vedo e li sento tutti, nel raggio di una ventina di chilometri. Sempre uguali, sempre modesti (che c’è la crisi, signora mia) sempre fragorosi, sempre accompagnati dall’ululare impazzito dei cani, il mio nella fattispecie.
    La gente accorre sempre in gran numero, tanto è a gratis.
    Il problema è che la sera prima dei fuochi c’è, altrettanto immutabile, la serata Tecno in piazza “per i giovani”, ossia per i ragazzini quindicenni di campagna che non possono ancora andare in discoteca. Le belle notti estive delle mie colline piene di lucciole e fruscii si trasformano in un inferno bombastico di decibel sparati all’ennesima potenza fino alle due del mattino.

    • winckelmann ha detto:

      Sono tempi tristanzuoli, difficili per lupi solitari e orsi inselvatichiti 🙂

    • marcoboh ha detto:

      qui, nella periferia est della capitale, ormai non c’è matrimonio, anniversario, perfino compleanno, che non abbia il suo seppur piccolo spettacolo pirotecnico. sicché tutti i fine settimana, ma anche spesso in mezzo alla settimana, la sera si sentono i botti.
      si vede che anche quando i soldi non ci sono, per festeggiare non mancheno mai.

  3. Isidoro ha detto:

    Il barocchista che è in te dovrebbe stupirsi ogni volta che rivede i fuochi d’artificio…..

  4. Gan ha detto:

    Come come? Winky che mi rinnega il barocco? Che novità son queste?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...