Cosa resta della Sensa

Lo Sposalizio del mare viene celebrato, pare, dall’anno Mille o giù di lì. Oggi per la mille e undecima volta, o giù di lì, il reggitore di colei che fu la Serenissima e che oggi è questo impoverito parco di divertimenti (una volta era il Doge, oggi è molto più modestamente il sindaco) uscirà in mare dalle bocche di porto di San Nicolò e gettando un anello nei flutti proclamerà l’antica formula: Desponsamus te, mare. In signum veri perpetuique dominii. Poiché tradizione sempre volle che questa festa si celebrasse nel giorno dell’Ascensione (da qui il veneziano Sensa), che cade quaranta giorni dopo Pasqua, abolita la festa si è trasferita la cerimonia alla domenica successiva.
Per quanto posso giudicare, non mi sembra che la Sensa abbia conservato in qualche modo un posto particolare nella cultura e nel cuore dei veneziani di oggi. Niente di paragonabile, per esempio, alla festa del Redentore che cadrà fra poco più di un mese. Domattina ci sarà la cerimonia, cui seguirà la tradizionale regata. Ci sarà qualche telegiornale, si faranno un po’ di foto e il resto sarà il solito show ad usum turistorum. Chissà piuttosto se qualcuno ha fatto in modo che le navi da crociera si tengano alla larga dalle bocche di porto finché c’è la barca del sindaco: sarebbe penoso vederla farsi da parte per far passare, bucintoro dei giorni nostri, l’ultimo gioiello della Costa Crociere.

PS: l’immagine l’ho presa da qui.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Venezia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Cosa resta della Sensa

  1. Gan ha detto:

    Alcuni anni fa ricordo di aver letto che si era avviata la ricostruzione del Bucintoro, ad opera di un’apposita fondazione. Che ne è stato, poi? Il lavori vanno avanti?

  2. marcoboh ha detto:

    le navi da crociera nemmeno la vedrebbero, la barchetta sindacale…
    oppure, bisognerà che il nuovo bucintoro di cui chiede gan sia a dimensione delle navi da crociera medesime, sicché il turista possa almeno fotografare il tutto senza timore di cadere in acqua!

  3. winckelmann ha detto:

    Bah, esiste o esisteva una Fondazione Bucintoro costituita nel 2004. Il suo sito sembra defunto o almeno comatoso, le news sono aggiornate al 7 dicembre 2008.
    L’avranno fatta morire i troppi patrocini:
    http://www.fondazionebucintoro.org/sponsor.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...