Al rogo, al rogo!

Berlino. Al centro della Bebelplatz, fra la Staatsoper e la Alte Bibliothek, c’è un buco quadrato coperto da un vetro che fa vedere una stanza completamente bianca, tappezzata dagli scaffali di una libreria vuota. In quel luogo, il 10 maggio 1933 i nazisti guidati da Josef Goebbels bruciarono 25.000 volumi di scrittori ebrei.
Ora, sarà che io tendo a drammatizzare, ma sarà anche che la storia ha dimostrato che Heinrich Heine fu agghiacciante profeta nel dire che Quando i libri vengono bruciati, si finisce per bruciare anche le persone, però a me notizie come questa mi mettono addosso non solo preoccupazione, ma qualcosa di più.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Boh?, Il paese dei polli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Al rogo, al rogo!

  1. PaoloVE ha detto:

    E quando uno pensa di essere vicino al fondo, viene subito smentito:

    http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca/2011/01/20/news/l-assessore-donazzan-scrive-alle-scuole-niente-libri-di-autori-pro-battisti-3225123

    L’assessore alla Pubblica Istruzione della regione veneto rilancia pensando di estendere l’invito al boicottaggio a tutte le scuole del Veneto.

    Chissà se riusciremo ad avere un ulteriore passo a livello nazionale, stavolta.

    Saluti

    Paolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...