Sigfrido e la zia

Ho un gran daffare stasera a correggere delle bozze di stampa da consegnare venerdì. Ma sono riuscito ad ascoltarmi la diretta da Bayreuth della Walküre. Mica tutta, figurarsi, è cominciata alle quattro, però tutto il terzo atto si, dalla cavalcata delle strillanti sorelle (quella di Apocalypse now, sehr gut) fino al forzato addormentamento della Valchiria-capo, Brünnhilde, punita da papà Wotan per insubordinazione e costretta a dormire circondata dalle fiamme fino a che un eroe di passaggio non verrà a svegliarla. Succederà nella prossima puntata e l’eroe sarà Sigfrido, un tontolone che le dischiuderà le gioie dell’amore senza che nè lui nè lei facciano mente locale sul fatto che, essendo figlia di Wotan come pure Sieglinde che era la mamma di Sigfrido, la valchiria è la zia del tonto stallone. D’altra parte lo stesso Sigfrido è frutto di amore incestuoso, essendo nato dall’accoppiamento di Sieglinde col di lei fratello Siegmund. Ma qui mi fermo, so che non è facile seguirmi.
Siccome ho da fare, mi tengo sul breve ma sgnacco qui sotto un po’ di cartoline della mia raccolta, che sarebbe il motivo per cui quella volta ho aperto questo blog, anche se mi sto accorgendo che è passato parecchio in secondo piano. Ecco dunque una pittoresca sfilata di elmi alati; se ho capito bene come si fa, passando sopra ogni foto col mouse si dovrebbe vedere il nome della persona raffigurata. Vediamo se ci riesco:

Oggi lance e corazze non si usano più. Domenica scorsa sulle sacre tavole di Bayreuth persino il cigno di Lohengrin ha perso le penne e si è trasformato in un tacchino volante verso il forno nel giorno del Ringraziamento. Viviamo tempi tristanzuoli, quant’era profeta Alberto Arbasino già cinquant’anni fa!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Foto storiche, Opera, teatro, danza e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Sigfrido e la zia

  1. marcoboh ha detto:

    sempre bellissime queste immagini! le espressioni ispirate sono fenomenali…

  2. Amfortas ha detto:

    In effetti Siegfried è proprio un tontolone…ma ti pare che si possa passeggiare per i boschi con un orso?
    Ciao e grazie per i tuoi frequenti passaggi da me.

    • winckelmann ha detto:

      Uh, bentrovato.
      Grazie per la visita. Adesso stacco per un po’ di vacanze ma ci si tiene in contatto. E nel frattempo confido che almeno qualcuno degli scansafatiche che ciondolano qui attorno si faccia venire la curiosità di dare un’occhiata al tuo blog. Ma cosa vuoi, più in là di Caterina Caselli è difficile portarli…

  3. learn piano chords ha detto:

    It’s remarkable for me to have a site, which is helpful in favor of my know-how. thanks admin

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...