Marchette

Negli anni Cinquanta in consiglio comunale a Venezia si discusse se lasciare o togliere uno striscione che in piazza San Marco pubblicizzava il Festival del Cinema. Si decise di toglierlo, perché non confacente al decoro del luogo.
Dall’agosto del 2008, l’angolo di Palazzo Ducale verso il rio delle Prigioni, il corrispondente fianco delle Prigioni stesse e il Ponte dei Sospiri sono scempiati da questa oscenità, che rende sicuramente parecchio alle casse comunali ma deturpa uno dei luoghi più celebri e visitati del mondo. Periodicamente si cambiano i cartelloni pubblicitari ma la struttura è sempre la stessa. Così, da quasi due anni, appare ai visitatori il Ponte dei Sospiri:

La piaga dei cartelloni pubblicitari ha invaso Venezia. Nella maggior parte dei casi, se proprio vogliamo trovare delle attenuanti, si approfitta delle impalcature di lavori di restauro. Sono orrendi ma una volta finiti i lavori se ne vanno. Anche in questo caso si parla di restauri, però io vorrei sapere:
– tutte le facciate di Palazzo Ducale sono state restaurate meno di dieci anni fa, con un lavoro per parti che è durato anni. Perchè si è reso necessario ritornare su questa?
– la facciata laterale delle Prigioni era stata restaurata un anno prima di essere reimpacchettata, e già allora milioni di foto se ne erano andate per il mondo con il Ponte dei Sospiri e la pubblicità di una marca di jeans a fianco. Perché dopo appena un anno si è dovuti tornare a coprirla?
– perchè dopo due anni nulla si sa dei lavori che ufficialmente sono in corso e delle prospettive di un loro completamento?
Nella seconda foto sono ben visibili i loghi dell’impresa Brandolin Dottor, che detiene il monopolio dei grandi interventi di restauro in città. Guardacaso, la stessa impresa pochi anni fa curò il restauro della Torre dell’Orologio, in Piazza San Marco, le cui impalcature furono rivestite di gigantografie che ritraevano, a turno, la Tour Eiffel, la Torre di Pisa, il Big Ben e che ne so io. Allora si trattò di un’idea cretina partorita da un signore che con le idee cretine ci ha fatto una fortuna: Oliviero Toscani. Questa volta l’idea è stata un po’ più furba e allo stesso tempo mascalzona e si sono inventati questo squallido pubblicitodromo in uno dei luoghi più fotografati del mondo.  C’è la crisi, dicono, e i soldi bisogna trovarli in qualche modo. Io sarò un idealista ma penso che, per quanto impellenti possano essere i bisogni, ci sono limiti che non devono essere scavalcati. Dopo tutto, non tutti quelli che hanno qualche difficoltà ad arrivare a fine mese con lo stipendio vanno a battere.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Venezia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Marchette

  1. marcoboh ha detto:

    ma dunque il ponte dei sospiri (soggetto di foto di turisti di tutto il mondo) è utilizzato come mero veicolo di pubblicità? che di conseguenza verrà vista e rivista ogni volta che si rivedono le foto.
    e poi fanno storie per i fili del tram.

  2. Pingback: Due soldini fan sempre bene « winckelmann in venedig

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...